Frontiere: che cos’è e come funziona

K&A Frontiere
K&A Frontiere

K&A Frontiere è il futuro a portata di mano: dalla tecnologia Bioatlantis e dalla competenza K&A, il protagonista della nuova frontiera tra nutrizione e difesa.

Estratto puro di alghe ad alto contenuto di bioattivatori naturali, la sua composizione consente di attivare nelle piante i naturali sistemi di difesa, inducendo resistenza contro gli attacchi di funghi e batteri.
ll fucoidano, i florotannini ed il mannitolo, sono solo alcuni dei fattori di successo nell’induzione naturale dei sistemi di difesa endogeni nelle piante.
I componenti bioattivi di Frontiere, infatti, simulano l’attacco di un patogeno fungino o batterico, stimolando le piante, anticipatamente rispetto ad un infezione vera e propria, a sintetizzare le sostanze che concorrono alla loro difesa:  aumento dello spessore della parete cellulare, produzione di sostanze tossiche per il patogeno, sintesi di proteine specifiche per la difesa (PRproteine) e, se è necessario, morte cellulare programmata.
Tutto questo significa induzione della SAR (resistenza sistemica acquisita).

All’interno della stessa specie, le CV di piante tolleranti ad una determinata malattia differiscono da quelle suscettibili, per la durata dell’intervallo temporale che intercorre tra la penetrazione del patogeno e la messa in atto dei sistemi innati di difesa. Questo fatto testimonia come, oltre che per la nutrizione, anche per l’induzione di difesa, è il tempo il fattore determinante.
Ancora una volta, fare le cose giuste al momento giusto risulta essere la chiave del successo.

K&A Frontiere è un eccellente induttore di difesa utilizzabile da solo o in miscela su tutte le colture, in ogni fase di sviluppo delle piante ed in ogni tipo di coltivazione, naturale, biologica ed integrata.
Permette di ridurre il numero totale di interventi con fungicidi e, di conseguenza, l’ammontare di residui sul prodotto finale.

Per una agricoltura che mette al centro dell’attenzione il rispetto dell’ambiente, la salute delle persone e la salubrità degli alimenti.

Per visualizzare le prove e per saperne di più:
info@kalosgate.com – www.kalosgate.com
info@agrochimicasnc.it – www.agrochimicasnc.it

L’allegagione e l’equilibrio vegeto-produttivo, la chiave del successo

Prove sul campo con Decide
Prove sul campo con Decide

L’ allegagione è un momento delicato per tutte le colture. In questa fase fenologica le piante “decidono” la produzione. E’ fuor di dubbio che, per le piante legnose, la programmazione delle gemme è già stata fatta l’anno precedente, e che le colture annuali programmano ben prima di ora il numero di fiori, e quindi la potenzialità produttiva. Tuttavia è parimenti noto che proprio in questa fase le piante scelgono quanti frutti (bacche, acini, semi, etc) possono o riescono a portare a maturazione, rispetto a quanto precedentemente programmato.

Esiste un momento nel quale i due “sink” fondamentali di ogni pianta, e cioè l’apice vegetativo e quello produttivo (il frutto), competono per l’approvvigionamento delle sostanze prodotte dal “sistema pianta” attraverso quelle che si dicono “source” (sorgenti), e cioè foglie che fanno la fotosintesi e radici che assorbono. Nella fase di allegazione, quando vi è l’inizio dell’accrescimento dei frutti, è fondamentale intervenire per favorire il corretto equilibrio vegeto-produttivo, in modo da convogliare le sostanze accumulate dalla pianta verso i frutti, anziché verso legno e foglie.

Dati delle prove sul campo
Dati delle prove sul campo

Il Centro di Competenza Kalòs e Agrochimica hanno condotto presso aziende private e centri di saggio dislocati su tutto il territorio nazionale, numerose prove per testare l’efficacia e la migliore modalità di utilizzo di K&A Decide, capace di svolgere un’azione di contenimento della spinta vegetativa a favore di quella produttiva.
Una tra tutte è la prova condotta dal centro di saggio Innovaricerca di Ferrara: in questo caso il prodotto è stato utilizzato nella dose di 2,5l/ha su pero Abate CV Farold®, per un totale di 3 interventi. K&A Decide si è dimostrato efficace nel controllo della vegetazione con un effetto protrattosi sino alla raccolta: nel rilievo eseguito 3 mesi dopo l’ultimo trattamento si notava, infatti, una differenza del 16% nella lunghezza dei getti trattati rispetto a quelli non trattati.

Lo stesso prodotto è stato utilizzato con successo anche su melo e vite alla dose di 2-3 l/ha, specialmente in miscela con prodotti a base di potassio (Agripotash) o calcio (Caltrac).
Su actinidia il dosaggio ottimale perconvogliare le energie della pianta verso la moltiplicazione cellulare, è di 1,5-2 l/ha distribuiti in post fioritura per 2-3 volte.

Per maggiori informazioni  potete contattare il nostro ufficio tecnico allo 0432 909926 oppure via mail a info@kalosgate.com oppure visitare i siti web www.kalosgate.com e www.agrochimicasnc.it

(K&ADecide® è un marchio registrato di Kalos e Agrochimicasnc)

La fioritura di vite, kiwi e olivo: come intervenire con efficacia

Prefioritura della vite
Prefioritura della vite

Per la nutrizione:

La fioritura e l’allegagione sono per le piante i momenti di massimo fabbisogno energetico, lo sforzo massimo che esse fanno nel loro ciclo vitale, con un obiettivo assoluto, uguale per tutti gli esseri viventi: la riproduzione della specie.
Nella fase di prefioritura bisogna garantire un’ottimale dotazione di elementi nutritivi essenziali per una fioritura omogenea, un’efficace allegagione ed il massimo risultato produttivo. Gli elementi fondamentali da apportare alla pianta sono quindi il Boro e lo Zinco.

Se andiamo a valutare i casi di carenza di questi due elementi sulla vite, riscontreremo danni da acinellatura, quindi la mancata crescita degli acini per difetti di fecondazione. In particolare, la carenza di Boro evidenzia l’acinellatura verde, mentre la carenza di Zinco porta ad un’acinellatura dolce.

Nel caso del kiwi, con l’obiettivo di avere frutti di buona e regolare dimensione, sarà essenziale fornire alle piante Boro e Zinco per favorire una fecondazione omogenea e la conseguente maturazione di frutti dalla forma regolare e di ottimo calibro commerciale. La fecondazione, infatti, influenza direttamente quello che poi sarà il frutto, perché il numero dei semi incide direttamente sulla dimensione del kiwi.

Nel caso dell’olivo, un ruolo di grande importanza è rivestito soprattutto dal Boro, che va ad incidere nella fase di mignolatura e nel processo di fioritura ed allegagione.

Per fornire alle piante i microelementi essenziali per la fioritura, il Centro di Competenza Kalòs vi segnala: YaraVita Bortrac150 (prodotto ammesso in agricoltura biologica, 150 g/litro di Boro etanolamina), YaraVita Zintrac700 (prodotto ammesso in agricoltura biologica, 700 g/litro di Zinco in sospensione concentrata), YaraVita Flowering (mix di nutrienti con Boro, Zinco e Magnesio), YaraVita Photrel Pro (prodotto ammesso in agricoltura biologica, mix con Boro, Manganese, Molibdeno, Magnesio e Zolfo).

Sono consigliati, inoltre, due/tre interventi con K&A Impulsive Premium a 2 l/ha, con effetto biostimolante, per ottimizzare nella pianta l’utilizzo delle sostanze di riserva, uniformare l’apertura dei fiori, garantire una efficace fecondazione e stimolare la crescita iniziale dei frutticini.

Nelle fasi successive alla fioritura ed allegagione, sarà opportuno intervenire per stabilire un corretto equilibrio vegeto-produttivo, e quindi eseguire interventi mirati per favorire l’accumulo delle sostanze prodotte dalla pianta nei frutti anziché nella vegetazione. Di quest’ultimo tema ve ne parleremo approfonditamente nel prossimo post.

Per la difesa:

La difesa delle piante dalle malattie è sempre importante, ma ancora di più a cavallo di fioritura ed allegagione, perché solo salvando i fiori poi si potranno avere i frutti.

In tutti i programmi di difesa della vite, consigliamo l’utilizzo degli Induttori Naturali di Difesa Endogena delle piante: K&A Frontiere + K&A Oomisine. Si tratta di prodotti naturali per aumentare la resistenza delle piante agli attacchi di Peronospora ed Oidio. Si utilizzano in parziale o totale sostituzione dei prodotti tradizionali, in tutte le forme di coltivazione: convenzionale, integrata, biologica e biodinamica.

Nell’actinidia interventi mirati con K&A Frontiere in miscela con YaraVita Coptrel500 hanno dimostrato un’evidente efficacia nel contenimento della batteriosi (PSA).
L’uso di Coptrel 500 nella vite e nell’olivo sostituisce il rame tradizionale, aumentando nel contempo la persistenza e soprattutto l’efficacia; anche contro la rogna dell’olivo.

Per maggiori informazioni potete contattare il nostro ufficio tecnico allo 0432 909926 oppure via mail a info@kalosgate.com